Il Nuovo Centro Parrocchiale “Carlo Acutis”

Don Marco Riba, Parroco di Gesù Lavoratore, ci accompagna in visita al cantiere, ormai quasi ultimato, del Nuovo Centro Parrocchiale intitolato al Beato Carlo Acutis.

Il progetto delle ‘Nuove Opere Parrocchiali’ si inserisce in una storia fatta di entusiasmo e di  importanti impegni economici.

Esso ha notevole valenza anche dal punto di vista civile in quanto da anni l’Amministrazione Comunale è impegnata a riqualificare il quartiere ‘Borgo Nuovo’ di Borgo San Dalmazzo, passato in pochi anni da qualche centinaio a 2500 nuclei familiari, con un incremento di popolazione da 1500 più di 6000 abitanti.

Con un percorso di confronto e di studio durato circa 4 anni, si è lavorato nell’ottica di abbattimento del vecchio edificio (uffici, cappella feriale, centro d’incontro e teatro) e la costruzione di uno nuovo, ricettivo delle esigenze ambientali attuali e della comunità.

Descrizione del progetto

A cura di Arch. Desmero

Il progetto è realizzato dallo Studio Sintesi di Borgo San Dalmazzo ed interessa il Centro parrocchiale il cui nucleo originale venne costruito negli anni ’70 ed al quale furono eseguiti successivi ampliamenti. Dopo più di 40 anni, infatti, il fabbricato necessita di alcuni importanti interventi di ristrutturazione e adeguamento alle attuali normative.

In seguito alle osservazioni sul progetto pervenute della CEI, è stata realizzata una semplificazione della forma architettonica e una diversa distribuzione degli spazi interni, cercando al contempo di ridurne dei costi.

Si è giunti quindi a una sintesi di tre aspetti caratterizzanti il contesto parrocchiale:

– una forma e sagoma semplici, con tetto a due falde analogo a quello della chiesa;

– un nuovo porticato antistante il sagrato con forma e materiali analoghi a quello recentemente realizzato sul lato sud della chiesa;

– un ingresso comune a tutte le attività del centro con forma circolare a chiusura ideale della Piazza della Meridiana, nonché proseguimento del progetto di rifacimento della scalinata del sagrato.

Inoltre, sulle testate est ed ovest del nuovo fabbricato sono stati pensati due setti che, con la loro forma “ad abbraccio”, saranno un invito all’ingresso del salone e delle aule catechistiche. Sarà realizzata una cappella settimanale, alcuni uffici, un salone polifunzionale ed alcuni locali di servizio.

Il piano è stato suddiviso in cinque grandi zone tutte accessibili dalla hall di ingresso comune posta al centro dell’edificio. E’ comunque previsto per ogni zona un ingresso esterno autonomo.

Un altro aspetto alla base della progettazione è la luce che sarà portata all’interno dei locali attraverso le ampie vetrate, poste soprattutto nella zona a sud-ovest e a est. Nella cappella settimanale e nelle aule catechistiche, la luce naturale giungerà dall’alto attraverso lucernari e tunnel solari posizionati sul tetto.

Per quanto riguarda i materiali, ai muri perimetrali realizzati in muratura tradizionale ed il tetto in struttura in legno lamellare e manto di copertura in lamiera, si alterneranno materiali contemporanei quali l’acciaio “corten” con il quale verrà realizzato il porticato fronteggiante il sagrato.

La struttura sarà realizzata con criteri antisismici e il fabbricato avrà alti livelli di confort termico ed acustico.

Aggiornamento delle Offerte Ricevute

L’importo raggiunto dalle donazioni ricevute sino al 31 Ottobre 2021 è di € 78.790, pari al 78% dell’importo previsto di raccogliere tramite donazioni.

Avanzamento donazioni Nuove Opere Parrocchiali

Un grazie sentito a tutti coloro che hanno donato e a chi vorrà farlo.

Per eventuali offerte ci si può rivolgere in Parrocchia in orario d’ufficio (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18) oppure con un bonifico bancario alle coordinate indicate qui di seguito e specificando la causale Nuove Opere Parrocchiali.

IBAN: IT47P0843946010000160199702

presso BCC Caraglio.